Aga Khan Award e Premio Cappochin, riconoscimenti all’architettura italiana


Dell’Aga Khan Award avevo già parlato in un post di qualche mese fa (Aga Khan Award for Architecture: una scuola italiana tra i finalisti). Tra i finalisti italiani tuttavia non compariva solamente la piccola scuola realizzata dalla Fondazione Maria Grazia Cutuli a Herat, Afghanistan, ma anche, mia svista colpevolissima, il Centro cardiochirurgico Salam di Khartoum, in Sudan, costruito da Emergency e progettato dallo studio veneziano TAMassociati.

Lo studio TAMassociati è nato a Venezia nel 1996 dall’idea di Massimo Lepore, Raul Pantaleo e Simone Sfriso di creare un progetto collettivo che unisse professionisti nei campi dell’architettura, urbanistica e comunicazione sociale, attenendosi ai principi di una progettazione etica e responsabile. Questo proposito si è tradotto in numerose collaborazioni con l’associazione Emergency, che hanno portato lo studio ad essere insignito della Menzione d’onore nella categoria “Architecture for Emergency” per la Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana 2012 alla Triennale di Milano. Quest’anno la loro attività in campo architettonico e sociale ha quindi ricevuto l’ambitissimo riconoscimento internazionale vincendo il premio Aga Khan con il progetto per il centro chirurgico in Sudan: assieme al premio arriva anche la cospicua donazione di 1 milione di dollari a sostegno dell’attività dello studio.

tamassociati-salam-centre-for-cardiac-surgery-designboom-01

Centro Cardiochirurgico ‘Salam’, Karthoum (Sudan) _ Tamassociati

tamassociati-win-aga-khan-award-for-salam-centre-designboom-04

Padiglione per la meditazione all’interno del Centro Cardiochirurgico ‘Salam’, Karthoum (Sudan) _ TAMassociati

tamassociati-win-aga-khan-award-for-salam-centre-designboom-07

Centro Cardiochirurgico ‘Salam’, Karthoum (Sudan) _ TAMassociati

Nello stesso periodo Tamassociati ha ricevuto la “Medaglia d’oro Giancarlo Ius”, destinata all’opera di architettura maggiormente innovativa e sostenibile sotto il profilo del risparmio energetico e dell’utilizzo delle energie rinnovabili e conferita al “Pedriatic Centre” di Emergency a Port Sudan, progettato dallo studio veneto.

Centro Pediatrico 'Emergency', Port Sudan _ TAMassociati

Centro Pediatrico ‘Emergency’, Port Sudan _ TAMassociati

La medaglia rientra nell’ambito del premio internazionale di architettura ‘Barbara Cappochin’, premio istituito dalla Fondazione Barbara Cappochin e dall’Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Padova, insieme al Comune di Padova, con la collaborazione di Regione Veneto, del Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (C.N.A.P.P.C.) e l’Unione Internazionale degli Architetti (U.I.A.).

Giunto alla sesta edizione il premio ha premiato quest’anno, per la prima volta dalla sua istituzione, un progetto di architettura realizzato in Italia da un architetto italiano: si tratta di ‘A2M Social Housing’, insediamento di edilizia sociale realizzato a Marina di Ragusa dall’architetto siciliano Nunzio Gabriele Sciveres.

A2M Social Housing, Marina di Ragusa (RG) _ Nunzio Gabriele Sciveres

A2M Social Housing, Marina di Ragusa (RG) _ Nunzio Gabriele Sciveres

A2M Social Housing, Marina di Ragusa (RG) _ Nunzio Gabriele Sciveres

A2M Social Housing, Marina di Ragusa (RG) _ Nunzio Gabriele Sciveres

Come si può leggere nella motivazione della giuria internazionale, il progetto “è la rappresentazione migliore di come il talento dell’architetto possa produrre una soluzione di grande qualità, ad un tema complesso, in un luogo bello e difficile. L’architetto, nel progetto premiato, ha avuto il coraggio di provare a realizzare alloggi di serena bellezza, grande comfort abitativo, con tipologia innovativa rispetto agli schemi tradizionali del social housing, disegnando un piccolo quartiere la cui estetica contemporanea ha ben assimilato la tradizione del contesto”.

Se l’Aga Khan Award ha inteso premiare una realtà italiana attiva in progetti sociali e umanitari nel continente africano, il premio Cappochin riconosce invece il valore di un progetto di residenza sociale, originale per la resa formale, la ricerca tipologica e la relazione al contesto mediterraneo, realizzato da una figura giovane ed emergente del panorama architettonico nazionale. Che sia di buon auspicio per il paese e la categoria?

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...